music

2018 


 

TUTTO ASSIEME...
Anche questa volta non dividiamo per stagioni, facciamo un'abbuffata complessiva...

Iniziamo come sempre dalla parte "nostalgica" e premiamo subito (oltre al suo live act straordinario, innovativo, imperdibile e coreograficamente spettacolare nella sua semplicità, che ho avuto l'onore di vedere il 16 luglio al Teatro degli Arcimboldi di Milano) il nuovo di DAVID BYRNE: American Utopia. A 66 anni Byrne si diverte ancora, incanta, sperimenta, stupisce. E come corollario Live from Austin TX, un concerto del 2001.

Sempre nel versante nostalgia (con cover moderne) i soliti PARRALOX con Holiday '16, Holiday '17 e Subculture, la colonna sonora di Thor Ragnarok del DEVOto MARK MOTHERSBAUGH, altre vecchie cover con la magica voce di MARC ALMOND: Shadows and Reflections, un ritorno a sorpresa di KIM WILDE: Here come the Aliens, l'altra divina ugola di TONY HADLEY: Live from Metropolis Studios, GARY NUMAN: Savage, un ultimamente assai prolifico BLANCMANGE: Unfinished Rooms, SPARKS: Hippopotamus, un ottimo MORRISEY: Low in High School, l'ultimo EP postumo di DAVID BOWIE: No Plan, un doppio di JOY DIVISION che comprende un Best of e The Complete BBC Recordings, molti recuperi di THE HUMAN LEAGUE con lo splendido Reproduction, Hysteria e Crash, una rediviva LISA STANSFIELD: Deeper, i due CD di EPOXIES: id e Stop the Future, lo splendido live di ALISON MOYET: The Other - Live Collection ed un estratto delle canzoni presenti in STRANGER THINGS: Music from the Netflix Original Series.

Per l'Italia invece, un altro convincente CD di DECIBEL: L'Anticristo, con bel concerto il 14 aprile al Teatro Colosseo, un celebrativo rimasterizzato del mio amico Alioscia CASINO ROYALE: CRX con anche CD di cover dell'album, un omaggio per Dalla di RON: Lucio!, altre cover questa volta con la spledida voce di MAURO ERMANNO GIOVANARDI: La mia generazione, un'altra vocina niente male ANTONELLA RUGGIERO: La vita imprevedibile delle canzoni, accompagnata solo da un pianoforte, VAT VAT VAT: Vie che credo paghino l'IVA in Inghilterra, SAMUEL: Il codice della bellezza ed infine (con un pelo di vergogna) LOREDANA BERTE': Lorinedita

Come novità un po' più giovanili, invece... un non recentissimo  MOBY & THE VOID PACIFIC CHOIR: These Systems are falling ma anche Everything was beautiful and nothing Hurt, EVERYTHING EVERYTHING: A fever Dream, CATFISH AND THE BOTTLEMEN: The Balcony; dei danzerini FRANZ FERDINAND: Always Ascending, P!NK: Beautiful Trauma,THE HORRORS: V, TRACY THORN: Record, la voce sensuale di CHARLOTTE GAINSBOURG: Rest, AUSTRA: Future Politics, l'ottima ST. VINCENT: MassEducation, EDITORS: Violence in edizione deluxe, un EP di COLDPLAY: Kaleidoscope, SOHN: Rennen, LCD SOUNDSYSTEM: American Dream, il divertentissimo LIAM LYNCH: Fake Songs (davvero fake ben fatti!), i meravigliosi meravigliosi THE KILLERS: Wonderful Wonderful, il particolare (e sempre collegato a David Byrne) WILLIAM ONYEABOR: Who is William Onyeabor? di cui ho visto un live della band alle OGR ed infine la colonna sonora di IT FOLLOWS.